Translate

domenica 3 febbraio 2013

TARALLUCCI DI SAN BIAGIO

L'Italia è ricca di storia e tradizioni culinarie, ed ogni paese ha le sue.
 Ad esempio noi piedimontesi il 3 febbraio portiamo in tavola, in onore di San Biagio , protettore della gola, i tarallucci col naspro a lui dedicati... La ricetta è molto semplice, se non fosse per il naspro, ma  quest'ultimo , per chi non volesse cimentarsi nella sua preparazione, si può acquistare in una buona drogheria già pronto, da sciogliere solo a bagnomaria. 


 - Difficoltà : facile per i tarallucci, ma difficile
                       per il naspro.
- Tempo  : 2 ore
- Costo :  € 3 circa

- Ingredienti per circa 2 Kg 
- Per i tarallucci
500 g di farina tipo "00"
170 g di zucchero
4 uova intere
100 g di burro
1/2 bustina di lievito secco per dolci
1 cucchiaino di ammoniaca
2 limoni grattugiati
1 pò di latte o acqua per impastare

-Per il naspro :
1 kg di zucchero
1 bicchiere di acqua
succo di 2 limoni

- Preparazione :
- Per i tarallucci:
Su un piano da lavoro setacciate la farina e apritela a fontana ,ponendovi al centro il resto degli ingredienti. Impastate aiutandovi se occorre con un pò di acqua o latte. Quando l'impasto sarà liscio , compatto e morbido, allungatelo e formate delle palline che posizionerete su una teglia rivestita di cartoforno e infornate a forno ventilato a 150° , oppure se statico a 170° , per circa 35 minuti. Sfornateli e lasciateli raffreddare.

- Per il naspro :
In una pentola ( preferibilmente di rame e dal fondo semisferico) sciogliere lo zucchero con l'acqua a fuoco basso, avendo l'accortezza con un cucchiaio di legno, di girare in continuazione fino a quando il caramello non filerà. A questo punto versarlo, facendo molta attenzione su un piano di marmo e con un coltello bagnato spianarlo. Non appena si sta per raffreddare versatevi il succo di limone e lasciate . Vedrete che assumerà il classico colore bianco. Se messo in una vaschetta e riposto in frigo può essere utilizzato anche a distanza di vari giorni dalla preparazione.

- Assemblaggio :
Nel momento opportuno, tirare fuori dal frigo il naspro e farlo sciogliere a bagnomaria fino a che non diventi semiliquido . A questo punto versarvi dentro i tarallucci e mescolare con delicatezza. Porli su un vassoio e farli raffreddare prima di servire.




                      

23 commenti:

  1. Buonissimi e visto che hai postato la ricetta proverò a farli, grazie :)

    RispondiElimina
  2. Sono buoni anche senza naspro???? Io adoro i tarallini...
    Amelina
    nuova follower, se vuoi ricambiare il mio blog è questo: iricamidiamelina.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amelina la particolarità di questi tarallucci è proprio il naspro, senza non avrebbero quel tocco in più nel sapore. Volendo però puoi provare, magari aggiungendo all'impasto qualche aroma (tipo limone o arancia), i gusti poi sono personali. Ricambio con molto piacere la tua visita

      Elimina
  3. Sai che a me piacciono tanto questi tarallini ma non sapevo la ricetta devo provare a farli e poi ti faccio sapere

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia, Imma!!! Io, che piedimontese lo sono di origine, non ho mai assaggiato queste prelibatezze. Forse è ora che rimedi!!!! Ahahahahahahah

    RispondiElimina
  5. ottimi ti ruberò questa deliziosa ricetta.

    RispondiElimina
  6. che bontà devo assolitamente provare questa deliziosa ricetta

    RispondiElimina
  7. Che golosità hai preparato! DEvono essere una vera prelibatezza! Quasi quasi per domenica pomeriggio ti rubo la ricetta! I miei ospiti ne saranno deliziati!

    RispondiElimina
  8. bella ricetta, voglio farli anch'io, sperando escano bene..

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo questo dolce lo preparo domenica e lo porto a pranzo da mia suocera

    RispondiElimina
  10. Forse ho visto questo dolce in qualche rivista, possibile?? ma ora mi sono segnata la ricetta e lo rifarò di sicuro!

    RispondiElimina
  11. mmm che buoni questi tarallucci, li voglio provare...

    RispondiElimina
  12. Conosco questi golosissimi taralli perchè li fa sempre un'amica di mia nonna e gliene regala sempre..che buoni!!

    RispondiElimina
  13. Proverò anche a fare i tuoi tarallucci, sembrano veramente ottimi

    RispondiElimina
  14. non conoscevo questi taralli, ma vista la tua bravura li preparerò per i miei cari

    RispondiElimina
  15. Ma che belli questi tarallucci e chissà che buon sapore,mi copio la ricettina ;)

    RispondiElimina
  16. Non ho mai assaggiato questi taralli, ma la ricetta mi incuriosisce molto perchè amo i dolci tipici della tradizione regionale e locale.

    RispondiElimina
  17. io amo i tarallucci, li adoro hanno un gusto unico! she mars

    RispondiElimina
  18. Anche dalle mie parti si fanno i tarallucci con il naspro, non solo per un'occasione particolare come san Biagio, ma si vendono nei biscottifici (da me ce ne sono molti) per tutto l'anno.
    Sin da piccola il nonno ce li comprava, sono una golosità ben radicata nei miei ricordi infantili.

    RispondiElimina
  19. Questi tarallini sono buonissimi, li faceva sempre la mia nonna specialmente nei periodi festivi, a me piacevano tanto.

    RispondiElimina
  20. questi tarallucci li ho mangiati quando ero piccola e poi ho chiesto a mia nonna di rifarli ma lei ha rimosso proprio la ricetta. Grazie, ora provo a farli io

    RispondiElimina
  21. MERAVIGLIAAA!!! non li conoscevo e li proverò senz'altro!!!! questa ricetta è perfetta per il mio contest di ricette legate ai Santi Patroni. perchè non partecipi anche tu????
    http://pasticciepasticcini-mimma.blogspot.it/2015/01/in-cucina-con-i-santipatroni-2-contest.html

    RispondiElimina